Indice Storico

PostHeaderIcon L’isola felice

Candide spiagge, acque celesti e pescose, sole ardente mitigato dalla brezza. Ma l’isola di Djerba non è solo per gli amanti del mare: fra le palme e gli ulivi sorgono moschee di un biancore abbagliante, mentre spezie, tappeti e gioielli trasformano in una festa di colori il mercato di Houmt Souk.

PostHeaderIcon Nella Tunisi che cambia

La capitale tunisina è in fase di trasformazione: quartieri nuovissimi si affiancano a quelli antichi, creando un mix caotico e coinvolgente. In questo scenario le mete classiche, che rinascono a un nuovo splendore, restano le più affascinanti: come la medina e Sidi bou Said.

PostHeaderIcon Evitando le buche più dure

La stretta lingua tra Algeria e Libia, appena aperta al turismo, lungo la pista selvaggia ma sicura della PipeLine tra laghi di sale, granai fortificati, set da fantascienza e oasi di palme perfette.

PostHeaderIcon La via dei datteri

La Tunisia sud-occidentale durante la stagione della raccolta dei datteri, tra canyon, villaggi abbandonati, mercati, oasi lussureggianti, antiche cittadine animate da rumorosi festival popolari.

PostHeaderIcon Cercando il deserto

Tra le dune del Grande Erg Orientale, alla scoperta dell’anima selvaggia del deserto e della spiritualità della vita nomade.

PostHeaderIcon Fortezze d’argilla

Oltre le rotte del grande turismo per scoprire la luce dei villaggi berberi, ma soprattutto gli ksour, i granai fortificati, autentici castelli del deserto per custodire i raccolti dalle incursioni degli arabi. Un’architettura popolare fra le più originali del Nord Africa.

PostHeaderIcon L’Africa dei Romani

Una Tunisia inedita fra pianure ondulate, fitte foreste, spiagge incantevoli e montagne spruzzate di neve. Una terra ricca di storia e vestigia di Roma che ne fece la regione più fertile e produttiva di tutto l’impero.