Con settembre si chiude un’estate diversa, fatta di incertezze e preoccupazioni, prenotazioni cancellate, voucher e rinunce. Eppure non è venuta meno la voglia di viaggiare, conoscere ed esplorare. Il protagonista di questi mesi estivi è stato il turismo di prossimità, alla scoperta delle meraviglie che ci circondano, dei luoghi a cui apparteniamo e che spesso trascuriamo. 

Secondo i dati raccolti dall’Enit-Agenzia Nazionale del Turismo nell’ultima settimana di agosto, il 97% degli italiani ha trascorso le vacanze in patria. Le destinazioni esotiche sono state sostituite da regioni come Emilia, Romagna e Sicilia, tutte e tre sul podio, scelte dal 9% dei vacanzieri. Tra le mete nostrane, molto apprezzate anche Trentino Alto Adige (8%), Toscana (8%), Piemonte (7%) e Lombardia (7%). Chi si è avventurato all’estero, ha scelto l’Europa mediterranea (35%), il Nord Europa (24%) e l’est europeo (14%). In termini economici, le famiglie hanno speso 850 euro per le proprie vacanze. 

La voglia di viaggiare non ha stagioni 

Termina l’estate ma non la voglia di viaggiare: il 58% degli italiani ha in programma un soggiorno per l’autunno. Saranno ancora vacanze al mare (57%) o in montagna (48%), ma si prevede anche un ritorno alle città d’arte (42%). In tanti scelgono anche soggiorni di tipo enogastronomici (29%), al lago (29%) e alle terme (28%). Il 33% poi già pensa alle vacanze di Natale, per il 92% in Italia, in particolare in Lombardia, Sicilia, Piemonte e Campania. All’estero, la scelta cade sul Nord Europa. 

“Fin dall’inizio”, racconta Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretaria al Turismo del Mibact, “avevamo invitato gli italiani a fare le vacanze nel nostro Paese, riscoprendo le meraviglie diffuse lungo tutta la Penisola: dal mare alle montagne, dai borghi alla natura incontaminata. Sono confortanti anche i dati che prevedono il prolungamento della stagione anche a settembre e nei mesi autunnali. Periodo, quest’ultimo, in cui gli italiani potranno continuare a utilizzare il bonus vacanze, valido fino al 31 dicembre”.

Natura, cultura e buon cibo: cosa cercano gli italiani in vacanza

La vacanza ricercata dagli italiani post lockdown ha visto prevalere la voglia di mare (60%) che alla fine ha addirittura doppiato la vacanza in montagna (30%) e quella naturalistica (25%). Ma i vacanzieri nostrani cercano dalla vacanza l’esperienza culturale (24%) e il relax (23%).

Gli italiani sono rimasti piacevolmente sorpresi dalle proprie vacanze in patria: voto medio 8 su 10 per una vacanza che ha avuto il gusto del relax e del benessere (75%), tanto desiderato dopo una stagione così difficile. Apprezzata la bellezza del luogo di vacanza (32%), il mare (31%), il fatto di aver goduto di una esperienza positiva (23%) ma anche del cibo e della buona cucina italiana (23%). L’85% dei vacanzieri tornerebbe il prossimo anno o fra due nello stesso posto.