“Questa la terra della mia solitudine, una terra dalle stradine strette e fratesche, incassate fra i muri, i poggi con gli ulivi radi, le case in pendio, i viottoli da capre che fuggono a invogliarsi nei boschi […]”: così Martino Ceccuzzi, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Idilio Dell’Era, descrive la sua terra, la Montagnola Senese. Un luogo dalla natura selvaggia e solitaria, caratterizzato dalla presenza di numerosi castelli altomedievali, costruiti intorno al Mille, a testimonianza del fenomeno dell’incastellamento. Scopriamo insieme i cinque castelli meglio conservati e più affascinanti della Montagnola Senese. 

Castello di Montarrenti 

©Fabrizio Finetti

Situato a pochi chilometri dal borgo di Rosia, il castello di Montarrenti domina la Montagnola Senese. Di questo castello realizzato tra la metà del VII e del VIII secolo rimangono le due torri costruite in filaretto con particolari pregiati e finestre gotiche. Negli anni ‘70, in seguito a un’opera di disboscamento, è emerso anche il nucleo abitativo sottostante il cassero, circondato da un imponente circuito murario. Alcuni locali del castello di Montarrenti oggi ospitano la sede dell’Osservatorio astronomico provinciale, gestito dall’Unione Astrofili Senesi. 

Castello di Celsa 

©Fabrizio Finetti

Immerso tra i boschi di carpini, lecci e castagni della Montagnola Senese, il castello di Celsa, interamente avvolto nell’edera, domina il panorama da Siena al monte Amiata. Fu costruito agli inizi del 1200 ma nel XVI secolo l’architetto Baldassarre Peruzzi si occupò della ristrutturazione dell’edificio in forma di villa. Oggi il complesso appartiene alla duchessa Livia Aldobrandini Pediconi ed è location per eventi, matrimoni e congressi. Sono visitabili gratuitamente (previa prenotazione) il castello, il giardino, il parco e la cappella cinquecentesca del Peruzzi; la Limonaia, invece, così chiamata perché luogo di riparo invernale per gli alberi di limone, è oggi adibita ad agriturismo.

Castello della Chiocciola

©Fabrizio Finetti

La caratteristica torre del castello della Chiocciola, possente e cilindrica, sbuca all’improvviso tra gli olivi e i boschi della zona. Oggi sede di un’azienda agricola, il castello è databile intorno al XIII secolo ed è così chiamato per la scala elicoidale che si trova all’interno della torre. Si racconta che i gradini della scala si facciano a mano a mano più piccoli, per facilitare la salita. Nei suoi sotterranei è conservata una grotta del periodo neolitico, ma buona parte dei suoi reperti sono custoditi al British Museum di Londra. A poca distanza si trova la Villa, una grande torre quadrata in pietra, circondata da mura e altre costruzioni.

Castello del Poggiarello 

©Fabrizio Finetti

Avvicinandosi alle case del borgo di Toiano, lungo la strada che collega Caldana a San Giusto si incontra il castello medioevale del Poggiarello, menzionato per la prima volta alla fine del XIII secolo nello Statuto dei Viari di Siena. Il complesso presenta due tratti di mura merlate, una torre, un cortile e la piccola cappella in stile rinascimentale di Sant’Agostino, realizzata nel 1558 e attribuita a Baldassarre Peruzzi. 

Castello di Monteriggioni

©Fabrizio Finetti

Il castello di Monteriggioni è il più spettacolare e imponente della zona, tanto da aver ispirato Dante in una terzina del XXXI canto dell’Inferno. Fu costruito alla base della Montagnola dai senesi agli inizi del 1200 con scopo principalmente difensivo e per secoli respinse violenti assedi e attacchi. Perse la sua funzione militare nel 1500, quando l’intero stato senese passò sotto il controllo di Firenze. A partire dagli anni ‘80, Monteriggioni è diventato sempre più turistico, anche in seguito all’inserimento del borgo nel percorso della Via Francigena (tappa 33, da Monteriggioni a Siena). La cinta muraria, con le sue 14 torri intatte e ancora oggi percorribile, è tra le meglio conservate al mondo.

Sul numero 285 (novembre 2020) di Itinerari e Luoghi, disponibile in edicola e online, trovate maggiori informazioni, curiosità e un itinerario dedicato alla Montagnola Senese.
Qui trovate invece tutti i nostri consigli di viaggio.