Dove: Mezzano di Primiero (TN)
Dal: 29-06-2019

Da sabato 29 giugno, negli angoli più suggestivi di Mezzano di Primiero si troveranno delle sedie rosse impagliate a mano, di legno artigianale. I visitatori potranno sedersi, suonare la campanella e ascoltare un pezzo di storia di questo paese speciale, considerato uno dei Borghi più belli di Italia. Così ogni sedia diventerà un incontro con un residente, e ogni incontro un’occasione preziosa di confronto e contatto.

E’ il frutto di un percorso organico, nato dall’iniziativa dell’Amministrazione del Comune di Mezzano volta a sviluppare il potenziale turistico della destinazione, che ha poi incaricato Progetto Turismo di G&A Group di definire una strategia di marketing coerente ed efficace. Obiettivo primario mettere al centro la genuinità e la capacità di accoglienza dei medaneschi, mediante un progetto organico di sviluppo turistico, territoriale, sociale.

“L’Amministrazione è da tempo impegnata in un progetto di valorizzazione del potenziale turistico. Nel corso degli anni abbiamo favorito e sostenuto diverse iniziative, tra loro sinergiche, finalizzate a dare a Mezzano una prospettiva turistica. Il nostro territorio ha caratteristiche naturali e un patrimonio culturale molto interessanti, scorci paesaggistici, orti e fontane”, spiega Ferdinando Orler, Sindaco di Mezzano.

La collaborazione è cominciata un anno fa con un’analisi molto approfondita che ha permesso di definire un insieme di iniziative, inserite all’interno di una strategia di crescita turistica di medio-lungo periodo. “L’obiettivo era trovare un modo originale e autentico di avvicinare Mezzano agli ospiti per metterli nelle condizioni di apprezzare e fruire appieno del borgo, delle sue iniziative e risorse. Da qui l’idea di rendere protagonisti i residenti, secondo una logica di informazione diffusa e partecipata inserita all’interno di un metodo”, dice Matteo Bonazza, responsabile del progetto per G&A Group.

Per questo i medaneschi hanno deciso di mettersi in gioco e sedersi sulle sedie rosse, dopo aver frequentato degli incontri di formazione e allineamento. Persone di ogni età, con caratteristiche diverse, che diventeranno testimonial del patrimonio della loro comunità. Un progetto che da turistico diventa quindi anche sociale.